52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Studio PAC: la Pravastatina nel trattamento dell’evento coronarico acuto


L’impiego delle statine nel trattamento precoce degli eventi coronarici acuti non è ben definito.

Uno studio, coordinato da Ricercatori del Dipartimento di Medicina Cardiovascolare del Sir Charles Gairdner Hospital di Perth in Australia, ha valutato gli effetti della somministrazione di Pravastatina ( Sanaprav ) entro 24 ore dall’insorgenza dei sintomi nei pazienti con angina instabile, infarto miocardico senza sopraslivellamento ST o infarto miocardico con sopraslivellamento ST.

Un totale di 3408 pazienti sono stati assegnati in modo random al trattamento con Pravastatina ( n = 1710 ) o con placebo ( n = 1698 ).

Il trattamento è stato continuato per 4 settimane.

L’end point primario composito era rappresentato da: morte, recidiva di infarto miocardico o ri-ospedalizzazione per angina instabile entro 30 giorni.

L’end point primario è stato raggiunto da 199 pazienti nel gruppo Pravastatina ( 11,6% ) ed in 211 pazienti nel gruppo placebo ( 12,4% ).

E’ stata osservata una riduzione del rischio relativo del 6,4% a favore della Pravastatina, ma senza significatività statistica.

Non è stato riportato alcun effetto indesiderato.

Secondo gli Autori la Pravastatina al dosaggio di 20-40 mg può essere somministrata con sicurezza entro 24 ore dall’inizio dei sintomi di un evento coronarico acuto, con un favorevole ma non significativo trend nell’outcome a 30 giorni.( Xagena2004 )


Thompson PL et al, Am Heart J 2004; 148: 91


Cardio2004 Farma2004


Indietro