Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

La mobilizzazione delle cellule dal midollo osseo tramite GM-CSF migliora le disfunzione endoteliale e la capacità di esercizio nei pazienti con malattia arteriosa periferica


E`stato ipotizzato che la somministrazione del fattore stimolante le colonie di granulociti-macrofagi ( GM-CSF ) sia sicura e possa migliorare la disfunzione endoteliale e la capacità di esercizio attraverso la mobilizzazione di cellule progenitrici nei pazienti con malattia arteriosa periferica.

Un totale di 45 pazienti con malattia arteriosa periferica hanno ricevuto iniezioni, 3 volte alla settimana per 2 settimane, di 3, 6, o 10 microgrammi/kg/die di GM-CSF o di placebo in coorti consecutive di 15 soggetti randomizzati in un rapporto 2:1 a farmaco o placebo.

La somministrazione di GM-CSF è risultata sicura.

L’analisi dei dati aggregati delle coorti di GM-CSF, ha evidenziato, a 2 settimane, un aumento significativo dei leucociti totali ( 43%, P
A 12 settimane, la funzione endoteliale è migliorata con GM-CSF ( la vasodilatazione flusso-mediata è aumentata del 59%, P
Nel gruppo trattato con placebo non sono stati osservati cambiamenti.

Dallo studio è emerso che la terapia con il fattore stimolante le colonie di granulociti-macrofagi nei pazienti con malattia arteriosa periferica è associata con la mobilizzazione delle cellule progenitrici, il miglioramento della disfunzione endoteliale, e della capacità di esercizio. ( Xagena2009 )

Subramaniyam V et al, Am Heart J 2009; 53-60


Cardio2009 Farma2009 Emo2009


Indietro