Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Confronto del rischio di febbre recrudescente nei bambini con malattia di Kawasaki trattati con Immunoglobulina endovenosa e Aspirina a basso dosaggio versus alto dosaggio


L'inizio tempestivo della somministrazione di Immunoglobulina per via endovenosa più Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) è necessaria per ridurre il rischio di febbre recrudescente e anomalie delle arterie coronariche nei bambini con malattia di Kawasaki.
La dose ottimale di Aspirina, tuttavia, rimane non ben definita.

Si è valutato se il trattamento iniziale con Aspirina a basso dosaggio rispetto ad Aspirina ad alto dosaggio nei bambini con malattia di Kawasaki sia associato ad un aumento della recrudescenza della febbre.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo su 260 bambini con malattia di Kawasaki al Riley Hospital for Children, Indianapolis, Indiana, tra il 2007 e il 2018.
Erano eleggibili bambini di età compresa tra 0 e 18 anni con un primo episodio di malattia di Kawasaki, identificati dai codici diagnostici ICD-9 e ICD-10, trattati entro 10 giorni dall'insorgenza dei sintomi con immunoglobuline per via endovenosa più Aspirina ad alto dosaggio.

I pazienti che avevano ricevuto una diagnosi alternativa, avevano avuto un secondo episodio di malattia di Kawasaki, non avevano ricevuto immunoglobuline per via endovenosa più Aspirina per il trattamento iniziale, non erano stati trattati entro 10 giorni dalla comparsa dei sintomi o avevano registrazioni incomplete sono stati esclusi.

I pazienti sono stati esposti a terapia con Aspirina ad alto dosaggio ( 10 mg/kg/die o superiore ) o a basso dosaggio ( inferiore a 10 mg/kg/die ).

L'esito primario era la febbre recrudescente che richiedeva un ritrattamento per malattia di Kawasaki.
Gli esiti secondari erano anomalie delle arterie coronarie e durata della degenza ospedaliera.

Tra i 260 pazienti inclusi, l'età mediana era di 2.5 anni, 103 ( 39.6% ) erano ragazze, 166 ( 63.8% ) erano bianchi non-ispanici, 57 ( 21.9% ) erano afroamericani, 22 ( 8.5% ) erano asiatici, 11 ( 4.2% ) erano ispanici e 4 ( 1.5% ) erano di etnia sconosciuta.
142 pazienti ( 54.6% ) sono stati trattati con Aspirina a basso dosaggio.

Non c'è stata alcuna associazione tra febbre recrudescente e dose di Aspirina, con 39 bambini ( 27.5% ) con febbre recrudescente nel gruppo a basso dosaggio rispetto a 26 bambini ( 22.0% ) nel gruppo ad alto dosaggio ( odds ratio, OR, 1.34; P=0.31 ), con risultati simili dopo aggiustamento per potenziali variabili confondenti ( OR, 1.63; P=0.11 ).

In un'analisi di sottogruppo di 167 bambini con malattia di Kawasaki completa, tuttavia, c'è stata una differenza di quasi 2 volte nelle probabilità di febbre recrudescente con Aspirina a basso dosaggio ( OR, 1.87; P=0.14 ), sebbene questa differenza non abbia raggiunto la significatività statistica.

Inoltre, non è stata identificata alcuna associazione tra il gruppo di trattamento e le anomalie delle arterie coronarie ( dose bassa, 7.4% versus dose alta, 9.4%; OR, 0,86; P=0.62 ) o durata della permanenza ( 3 giorni per entrambi i gruppi; P=0.27 ).

In questo studio, l'Aspirina a basse dosi per il trattamento iniziale dei bambini con malattia di Kawasaki non è stata associata a recrudescenza della febbre o anomalie delle arterie coronarie.
Dati i potenziali benefici, sono necessari ulteriori studi sull'Aspirina a basso dosaggio per rilevare differenze di esiti potenzialmente rilevanti dal punto di vista clinico e per informare le decisioni di trattamento e lo sviluppo delle linee guida. ( Xagena2020 )

Platt B et al, JAMA Netw Open 2020; 3: e1918565

Cardio2020 Farma2020



Indietro