Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Batteriemia parodontale e malattie vascolari


I batteri deboli del cavo orale, come i batteri parodontali, sono stati rinvenuti in diverse lesioni vascolari, tra cui l’ateroma, il trombo dell’arteria occlusa della malattia di Buerger, la parete aneurismatica dell’aorta addominale e le vene varicose.

Si ritiene che attraverso i vasi linfatici i batteri dalla bocca passino nel circolo sanguigno, e che vengano trasportati alla vena dell’angolo venoso vicino alla zona sovraclaveare.

Nel caso dei batteri parodontali, un batterio tipico, come Porphyromonas gingivalis, attiva le piastrine e le rende massa.
In modo simultaneo vengono rilasciate le citochine e la serotonina.
L’analisi al microscopio elettronico ha evidenziato fagocitosi delle piastrine.

Uno studio su un modello murino ha mostrato la formazione di un piccolo trombo arterioso dopo infusione endovenosa continua di Porphyromonas gingivalis, per 2-4 settimane.

In conclusione, i batteri deboli del cavo orale, come i batteri del periodonto, possono svolgere un importante ruolo nello sviluppo di diverse malattie vascolari, come la malattia di Buerger, l’aterosclerosi e le vene varicose, mediante batteriemia. ( Xagena2009 )

Iwai I, J Periodontal Res 2009; 44: 689-694


Cardio2009 Inf2009


Indietro